Professione Sensitiva. Intervista a Maria Valentina.

13124518_10204764233666077_1615872512355733941_n

Conosciamo da vicino una sensitiva? Poiché il Centro Studi Pianeta Cielo si avvale, oltre che di astrologi professionisti e cartomanti che vantano una lunga esperienza nel settore esoterico, come non approfittare di Valentina, la titolare del Centro Studi Pianeta Cielo che gentilmente si è offerta di rispondere a qualche domanda sul misterioso mondo della cartomanzia e dell’astrologia… ma soprattutto dell’occulto, lei che è sensitiva.

Quando ha scoperto di avere questa particolare dote?

 

All’età della ragione, cioè dai quattro cinque anni, io parlavo con il mio angelo custode o come la volete chiamare guida che ci viene assegnata, preciso che sono stata miracolata due volte; la prima a causa di una febbre per la quale nessuno riusciva a dare una spiegazione, ora si chiama meningite, sono rimasta in coma per diverso tempo e poi, “miracolosamente”, mi sono ripresa.  Un altro episodio che ricordo è stato quando chiesi a mia madre, vedendo che in alcune delle mie foto, indossavo gli abiti da fraticello. Mi raccontò che ero caduta in un pozzo molto profondo e ci rimasi per un po’, fino a quando mio zio riuscì a tirarmi su, a salvarmi. Mi avevano già dato per morta, ed anche in quell’occasione, rimasi alcuni giorni in coma. Mia madre decise di fare un voto: se mi fossi salvata, mi avrebbe fatto indossare gli abiti di Sant’Antonio, santo cui mia madre era molto devota. Da allora ho sempre avuto accanto a me questa entità e non mi ha mai lasciato.

Che cosa significa essere “sensitiva?” per lei Valentina, nella vita di tutti i giorni?

A volte non so, se posso definire bello ciò che sento. Anche perché ho delle sensazioni molto forti soprattutto quando sta per succedere qualcosa.  Puntualmente comincio a piangere senza un motivo, poi. Quando il telefono squilla, la notizia arriva, e non è mai bella. Mi è accaduto spesso quando qualcuno della mia famiglia sta male… purtroppo, il più delle volte non riesco ad aiutare le persone come vorrei, primo perché mi prenderebbero per pazza, poi, perché essere derisa da chi non ha una mente aperta, m’infastidisce. Mi limito a dare dei consigli e mi domando se tutto ciò possa avere un senso, anche se la gioia più grande è quando riesco a intervenire, a essere realmente d’aiuto in situazioni difficili. Mi sono trovata veramente in situazioni strane ma la mia ala di salvezza così la chiamo io, sta sempre con me; mi consiglia, mi aiuta e mi permette di aiutare gli altri. Certamente esiste il libero arbitrio in ogni cosa, ormai, chi mi conosce e mi chiede un consiglio prima di fare una determinata cosa, sa bene che per capire, deve poter anche sbagliare.

-L’aiuto non lo nego se me lo chiedono, certo non sono nessuno, faccio del mio meglio per migliorare anche me stessa, oltre che dare buoni consigli. Non è semplice convivere con queste sensazioni, belle o brutte che siano, proprio perché non le puoi evitare.-

Come gestisce queste sue particolari doti che noi vediamo spesso tratteggiate o enfatizzate in famosi telefilm?

-Devo dire che ormai oggi certi film si accostano molto alla nostra realtà, quella che noi viviamo quotidianamente e senza quegli onori cui sono soggetti i protagonisti di questi famosi cortometraggi. Se qualcuno che ha doti molto elevate non avesse mai raccontato nulla, sarebbe solo frutto della fantasia di un autore. A volte esagerano, altre sembrano vere, ma sono sempre telefilm. La vita è più dura da gestire riguardo a queste sensazioni. Oggi ci riconoscono sempre più, una volta dovevamo nasconderci, pensate, io non ne parlavo liberamente, mi vergognavo.-

Lei è anche un’astrologa, ma sicuramente la sua “dote” ha affinato le sue capacità deduttive quando guarda le stelle di una persona. Questo le è d’aiuto?

-Certamente. L’astrologia è in sostanza il nostro DNA, descrive ogni nostro momento di vita bello brutto che sia, la strada che ognuno ha percorrere. Siamo felici di aiutare chi lo chiede con cuore puro… –

Come non chiedere anche a Lei qualcosa sui recenti fatti di cronaca nera e nello specifico sul “delitto della povera Melania Rea”? Che cosa può dirci al riguardo?

-Queste cose mi fanno davvero paura, il fatto che non le possiamo evitare mi rattrista molto. Durante la notte faccio dei viaggi astrali molto efficaci e vedo svariate situazioni, non nascondo che ne vedo di tutti i colori e quando guardo in diretta televisiva..beh… Cosa vi devo dire? Vorrei non avere visto nulla, dato che non posso intervenire per modificare le cose come invece avviene per i medium televisivi. Purtroppo per questa giovane donna strappata nel fiore degli anni e in procinto di vivere il suo ruolo di mamma, il destino è stato avaro. Ero sicura che fosse stato il marito, la mia visione era chiara: erano insieme, aveva premeditato tutto perché la povera donna aveva scoperto l’ennesimo tradimento e avrebbe voluto fargliela pagare alla sua amante…ma si è fidata troppo di se stessa, senza pensare che la gente possa essere anche cattiva. Lui si è tradito, non è andata come ha detto il marito ma, invece di pensare al fatto che questa tragedia poteva essere evitata, se soltanto questa ragazza si fosse confidata con sua madre o suo padre, perché purtroppo l’80% di queste vicende terribili, si consuma nelle famiglie. E’ stata sfortunata, era bella, un bel marito e una stupenda figlia, una bella vita…niente mancava a questi due giovani, tranne l’amore.-

La sua sensitività come si esprime?

-In situazioni particolari non devo chiedere arrivano al momento come un tuono che squarcia, non è bello e a volte mi chiedo: perché proprio a me?-

E’ contenta di essere una “sensitiva?”

-Questa è una domanda alla quale non so cosa rispondere…diciamo sì e no. Nel bene e nel male, il limite è quello di non poter intervenire come si vorrebbe. Non possiamo evitare gli eventi, li sentiamo, li vediamo, ci stiamo male ma poi… tutto scorre. Tutto va come deve andare.-

Cosa ne pensa la sua famiglia di questo particolare dono che arricchisce la sua vita?

-La mia famiglia non ne è contenta. Mi chiedono consigli solo quando si sentono di farlo, altre volte vorrebbero e non lo fanno, ed altre ancora. Mi rendo conto che per loro è quasi un fastidio, il fatto di non poter avere segreti, di essere tanti libri aperti per me.-

Come vedete, senza andare tanto lontano ma a Biella, ecco che vi abbiamo proposto una vera sensitiva che ama stare sullo sfondo di un palcoscenico troppo affollato e dove le disgrazie convivono ogni giorno con le persone, senza che questo copione vitale nessuno possa cancellarlo e riscriverlo. Lo Sceneggiatore che firma la nostra vita e la rende anche pericolosa oltre che bella, non scrive le battute agli attori, e tanto meno, ne descrive le scene dove possano muoversi… è uno Scrittore che nessun editore potrà mai avere a contratto, perché è Lui che lo redige e lo firma per noi… ma per sapere chi è, bisogna credere!

 

Nicla David

Copyright © Nicla David e Premonizioni.com 2016 – Tutti i diritti sono riservati a Predizioni.com – Centro Studi Pianeta Cielo. E’ vietata la riproduzione anche parziale di contenuti o materiale presente nel sito senza previa autorizzazione del proprietario.  P.IVA 02230290021 info@centrostudipianetacielo.it


sunrise-165094_960_720

15895918_1747613215566935_1282947179096229466_o

Lascia un commento